Translate ...

domenica 29 aprile 2012

World Press Photo: gli occhi sul mondo

Guerra, cronaca e vita di tutti i giorni raccontati da un'immagine.
Si è aperta il 28 aprile al Museo di Roma in Trastevere la mostra delle immagini del "World Press Photo" premiate nel 2012. 
La rassegna è divisa in nove categorie: Vita Quotidiana, Protagonisti dell’attualità, Spot News, Notizie generali, Natura, Storie d’attualità, Arte e spettacolo, Ritratti, Sport. L'esposizione si concluderà il 20 maggio.
Foto dell'anno è quella dello spagnolo Samuel Aranda, scattata in una moschea di Sanaa (Yemen) allestita come ospedale da campo, durante gli scontri del 15 ottobre 2011 contro il regime del Presidente Ali Abdullah Saleh.

La World Press Photo Foundation (nata nel 1955) è un'istituzione internazionale indipendente ed il premio è uno dei più importanti riconoscimenti nell’ambito del Fotogiornalismo. 
Nel 2011 gli scatti pervenuti sono stati 101.254, inviati da 5.247 fotografi professionisti appartenenti a 124 nazionalità. 
Sette gli italiani premiati quest'anno.


TI POTREBBE INTERESSARE:

sabato 28 aprile 2012

Mirò! Poesia e luce a Roma

Roma, Chiostro del Bramante. 
Fino al 10 giugno la grande rassegna (inaugurata il 16 marzo) dedicata a Joan Miró (1893-1983), inconfondibile artista delle avanguardie europee. 
Le 80 opere ricostruiscono l'intero percorso del maestro catalano, con una particolare attenzione al periodo tra il 1956 e il 1983, anni in cui Mirò visse a Mallorca. 
Tra i capolavori esposti, gli olii "Donna nella via" (1973) e "Senza titolo" (1978), il bronzo "Donna" (1967); gli schizzi, tra cui quello per la decorazione murale per la Harkness Commons-Harvard University. 
Lo scultore Alberto Giacometti (1901-1966) così descrisse uno dei maggiori esponenti del surrealismo: “Miró era la grande libertà. Qualcosa di più aereo, di più libero, di più leggero di tutto quanto avessi visto. In un certo senso era assolutamente perfetto. 
Mirò non poteva fare un punto senza farlo cadere nel punto giusto. 
Lui era talmente pittore che gli bastava lasciar cadere tre macchie di colore sulla tela perché essa esistesse e costituisse un quadro”.
La mostra -  in collaborazione con Fundació Pilar i Joan Miró - è prodotta e organizzata da Arthemisia Group, 24 ORE Cultura e DART Chiostro del Bramante e gode del  patrocinio dell’Ambasciata di Spagna.
Negli spazi espositivi è stato ricreato integralmente lo studio (con tutti gli oggetti e gli strumenti originali) dove l'artista ha realizzato i suoi capolavori.



TI POTREBBE INTERESSARE:

mercoledì 25 aprile 2012

Festa della Liberazione


Il 25 aprile è la Festa della Liberazione. Ossia l'anniversario della liberazione dall'occupazione  nazi-fascista. 
La data è simbolica e fa riferimento al giorno dell'appello diramato dal CLNAI (Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia) per l'insurrezione armata della città di Milano (sede del comando partigiano dell'Alta Italia) avvenuta appunto il 25 aprile 1945. 
Le celebrazioni si svolgono in tutte le città d'Italia. E non è solo una commemorazione: è un momento di incontro.

venerdì 20 aprile 2012

Festival Internazionale del Giornalismo 2012


Si terrà a Perugia - dal 25 al 29 aprile - la VI edizione del Festival Internazionale del Giornalismo.
I teatri ed i palazzi storici della città ospiteranno più di 200 eventi (a ingresso libero) tra tavole rotonde, interviste, proiezioni di documentari, concorsi, premiazioni, mostre, presentazioni di libri, workshop, dibattiti, con esperti di informazione arrivati da tutto il mondo per discutere di giornalismo, attualità, problemi e futuro dell’informazione.

Attenzione focalizzata sul "digital" con incontri come "Le nuove professioni del web nella Pubblica Amministrazione", "Ebook: nuova frontiera del giornalismo di qualità" o "L’Italia e il Medioevo digitale", dedicato alla disarmante situazione italiana in merito alla digitalizzazione.
Quest'anno anche un nuovo spazio dedicato al fotogiornalismo, "Exhibitions 2.0", una mostra online composta da tre gallerie fotografiche per un totale di quasi trecento immagini.
L’hashtag ufficiale del Festival - per seguire e commentare su Twitter gli eventi - è  #ijf12


TI POTREBBE INTERESSARE:
http://www.festivaldelgiornalismo.com/

lunedì 16 aprile 2012

Due settimane in più ...


Genova, Palazzo Ducale. 
Si chiuderà il 1° maggio (anziché il 15 aprile) la mostra "Van Gogh e il viaggio di Gauguin".
Due settimane in più per poter ammirare gli 80 capolavori della pittura europea e americana del XIX e del XX secolo che hanno come filo conduttore il viaggio, inteso non solo "verso" un luogo, ma anche "dentro" se stessi.
Centro dell'esposizione sono le 40 opere di Van Gogh ed il celebre quadro di Paul Gauguin "Da dove veniamo? Chi siamo? Dove andiamo?". 


Ci sono poi altre due sezioni - sempre all'insegna di questa dualità del viaggio - dedicate una alla pittura americana e l’altra alla pittura europea: Hopper, Wyeth, Church, Rothko, Turner, Morandi, Kandinsky, Monet e altri protagonisti della scena artistica degli ultimi due secoli.

domenica 15 aprile 2012

XIV Settimana della Cultura

XIV edizione della Settimana della Cultura, in tutta Italia dal 14 al 22 aprile. Scopo dell'iniziativa - promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali - è trasmettere l’amore per l’arte e favorire la conoscenza del nostro patrimonio artistico. 
Attraverso l'apertura gratuita del Patrimonio Statale, tante opportunità tra musei, monumenti, aree archeologiche, gallerie, palazzi storici, ma anche ville, archivi e biblioteche e con quasi 3500 eventi collegati, come laboratori didattici, visite guidate e concerti. 
Tema conduttore di questa edizione è "La cultura è di tutti: partecipa anche tu".
E' impossibile fare un elenco completo dei siti; si possono solo fare alcuni esempi: 
a Trieste l'Acquedotto romano e Antiquarium; a Torino il Teatro Regio; a Ravenna il Museo Nazionale ed il Mausoleo di Teodorico;  a Genova la Galleria di Palazzo Reale; a Firenze Palazzo Vecchio offre visite guidate per scoprire la storia della città e delle sue famiglie; a Roma la Domus Aurea ed eccezionalmente i depositi del Museo Nazionale di Palazzo Venezia - allestiti nel 1900 - dove sono custoditi piu' di cinquemila oggetti tra argenti, avori, vetri e porcellane; a Napoli il Palazzo Reale, gli Scavi di Pompei ed Ercolano; a Cagliari Orto Botanico e Museo Herbarium.


PER INFO E LUOGHI DELLA CULTURA TI POTREBBE INTERESSARE:
http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_asset.html_622988441.html

sabato 14 aprile 2012

Robert Doisneau

"Bacio davanti all'hotel De Ville" (1950)
Gentilly14 aprile 1912 - Montrouge1 aprile 1994

"Quello che io cercavo di mostrare era un mondo dove mi sarei sentito bene, dove le persone sarebbero state gentili, dove avrei trovato la tenerezza che speravo di ricevere. Le mie foto erano come una prova che questo mondo può esistere."
(Robert Doisneau  -  Fotografo francese)

mercoledì 11 aprile 2012

Sulla cresta dell'onda

20 milioni di sterline (pari a quasi 24 milioni di euro) è quanto il Dipartimento britannico per l’Energia e il Cambiamento Climatico (DECC) ha assegnato ad un nuovo fondo a sostegno dei progetti che sfruttano le energie marine, in particolare moto ondoso e maree. 
Il progetto dà tempo fino al 1° di giugno per presentare le domande; l’annuncio dei vincitori è previsto entro la fine dell’anno.
Il Dipartimento ha specificato che i partecipanti dovranno dimostrare di essere in grado di realizzare impianti in grado di produrre almeno 7 GWh di elettricità da onde e maree ed essere operativi già a partire dal 2016.
Questo nuovo programma di finanziamento - denominato Marine Energy Array Demonstrator (MEAD) - ha l'obiettivo di favorire la crescita di un settore che potrebbe generare fino al 20% del fabbisogno energetico del Paese.
Il ministro dell’energia e del cambiamento climatico Greg Barker, ha dichiarato: “Questo ci porterà a compiere un passo fondamentale verso la realizzazione delle nostre ambizioni di generare energia elettrica dalle onde e maree, alimentando case e imprese di tutto il Regno Unito con elettricità verde”.

L'energia del moto ondoso non è una forma di energia particolarmente nuova, ma solo recentemente sta raccogliendo consensi: il suo potenziale è enorme e potrebbe offrire un'ottima opportunità per "svincolarsi" dai combustibili fossili, soprattutto se affiancata da altre energie alternative, come il solare, l'eolico e l'idrogeno. 

lunedì 9 aprile 2012

Un uovo oggi ... un contenitore domani


Un progetto di alcuni ricercatori inglesi delle Università di Nottingham, Leicester e Lincoln (specializzati in chimica "verde" e materiali sostenibili) prevede il recupero dei gusci delle uova destinati alla discarica per trasformarli in materiali plastici da impiegare nell'edilizia, in campo farmaceutico e per gli imballaggi alimentari.
Il progetto ha preso il via grazie ai fondi dello European Regional Development Fund  ed al finanziamento di una rete di aziende alimentari interessate alla possibilità di risparmiare sui costi di smaltimento (problema non indifferente per le aziende che impiegano uova), dando al contempo "una mano" all'ambiente. 
Gli studi si stanno concentrando sul "come" estrarre dai gusci un particolare tipo di proteine  (glicosamminoglicani) - già impiegate nelle applicazioni biomedicali - che potrebbero rivelarsi molto utili in campo farmaceutico. Stanno inoltre cercando di capire in che modo trattare i gusci per ottenere diversi tipi di bioplastica.

domenica 8 aprile 2012

sabato 7 aprile 2012

Avanguardie russe


Dal 5 aprile al 2 settembre a Roma - nei nuovi spazi espositivi dell'Ara Pacis - 70 capolavori dei maggiori artisti russi del secolo scorso: dall'Astrattismo di Kandinkskij a Malevich (fondatore del Suprematismo), da Goncharova a Laroniov, dallo stile fantastico di Chagall, al Costruttivismo di Tatlin.
Opere in arrivo da 12 musei sovietici piu' una collezione privata; ''una mostra mai vista prima a Roma'' - come spiega la curatrice Victoria Zubravskaya - per raccontare quanto quei movimenti abbiano varcato i confini nazionali influenzando l'arte, la cultura, la moda e il design di tutto il mondo occidentale.
E con questa mostra si inaugurano i nuovi spazi espositivi dell'Ara Pacis. A seguito dei lavori i reperti archeologici sono stati spostati e incrementati: sono infatti visibili anche il plastico dell'antico Campo Marzio settentrionale e apparati multimediali sulla storia dell'Ara Pacis fino ai nostri giorni.

venerdì 6 aprile 2012

Istanbul ed i tulipani




Istanbul: dal 7 aprile si apre il "Festival Internazionale del Tulipano", fiore simbolo della Turchia.
Il suo nome deriva dalla parola turca "tulbend" (turbante) ed ha avuto un ruolo molto interessante nella storia del paese, se si pensa che il periodo fra 1718 ed il 1730 (sotto il  regno del sultano Ahmed III ) prende il nome di  "Era del Tulipano". Questo periodo è inteso come era di pace e di prosperità ed i tulipani diventano uno stile di vita importante nelle arti, nel folclore e nella vita quotidiana. Soprattutto nell'abbigliamento e nel ricamo realizzato a mano - ma anche in tappeti, maioliche, miniature etc. - la raffigurazione del tulipano diventa una caratteristica.
Il Festival riaccende questa magia con i milioni di tulipani piantati nei parchi e nei giardini della città.
Inoltre il programma del festival propone concerti, corsi di tecnica "ebru" (antica tecnica turca di marmorizzazione della carta), mostre fotografiche e pittoriche e, naturalmente, la possibilità di acquistare numerose varietà di bulbi. 

giovedì 5 aprile 2012

Pace, Amore, Empatia


"Preferirei essere odiato per quello che sono che amato per quello che non sono."
(Kurt Cobain)

lunedì 2 aprile 2012

Albi: riapre museo Toulouse-Lautrec

Dopo 10 anni di lavori (costati 38 milioni di euro), il museo dedicato all'opera del pittore Henri de Toulouse-Lautrec (1864-1901) riapre oggi ad Albi - città nel sud della Francia, classificata patrimonio mondiale dall'Unesco - sua città natale.
Installato nel Palazzo Berbie - fortezza del XIII sec. che fu la residenza dei vescovi fino al 1905 - contiene la più grande collezione pubblica del mondo del pittore Albigese (circa 1000 opere) per la maggior parte lasciate in eredità alla città di Albi dai genitori dell'artista, nel 1922.
Con la ristrutturazione, degli ascensori sono stati inseriti nelle torri dell'edificio; gli scavi hanno fatto venire alla luce i magnifici pavimenti medioevali ed i restauri della galleria d'Ambrosie hanno permesso il recupero degli affreschi rinascimentali. 
All’interno si trovano le prime tele e tutti i suoi poster. Tra le sale dedicate ai temi centrali della sua opera ci sono quella dei ritratti, delle case chiuse ("Au salon de la rue des Moulins" e "Marcelle" la sua prostituta preferita), delle star delle notti parigine (Jane Avril e Yvette Guibert), dei manifesti pubblicitari e delle litografie. 
Vi é inoltre un intero piano dedicato ad opere di arte moderna (Pierre Bonnard, Henri Matisse e George Rouault) ed una piccola collezione di arte antica con "La chiesa di Santa Maria della Salute" di Francesco Guardi.

TI POTREBBE INTERESSARE:
http://www.museetoulouselautrec.net/